Dettaglio

Tour delle Dolomiti
 
2 - 5 GIUGNO 2005

Giovedì 2 Ritrovo degli equipaggi, nel mezzodì, a Predazzo nel posteggio all'ingresso del paese, sulla destra presso il campo sportivo, con acqua e servizi igienici. Nel pomeriggio partenza per il tour con un percorso che toccherà i luoghi più salienti delle Dolomiti quali: Moena, Marmolada, Passo Pordoi, Cortina d'Ampezzo, lago di Misurina e Tre Cime di Lavaredo.

Note informative
Percorso: Canavese, autostrada MI-VE, A22 del Brennero uscita Egna-Ora, tra Trento e Bolzano, per la Val di Fiemme fino a Predazzo. Km. 430 circa.
Dato che il percorso previsto sale ad oltre 2000 m., si consiglia di portare giacca a vento, scarponcini, e fare il pieno di gas per la stufa del camper.

Gli interessati sono pregati di dare conferma di partecipazione e di trovarsi giovedì 26 alle ore 20,30 presso la sede, per definire  meglio il tour.


Pre e post camper-tour

Chi ha la possibilità di partire prima e rientrare dopo potrà orientativamente visitare all'andata Marostica, Bassano del Grappa, l'altopiano di Asiago, San Martino di Castrozza, Passo Rolle, ed al ritorno Auronzo di Cadore, Belluno, grotte del Caglieron, Vittorio Veneto, Conegliano.

Sede: c/o Cottone Walter, Via Madonnina 1, San Giusto Can.
     Tel. 012435312  cell. 3476905385


Informazioni su raduni, tour, agevolazioni e convenzioni del nostro Club le trovi sul sito  www.canavesecamperclub.it   collegati!!.


---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Resoconto Tour delle Dolomiti 2/5 giugno 2005


Equipaggi partecipanti n° 5 (le adesioni erano 10). Il tour attraversa paesi, es. Moena, Canazei, Passo Pordoi, Cortina, in cui è permesso il solo posteggio: rischio di multe molto salate per piedini, finestre e gradino aperto e qualsiasi oggetto sotto il camper o all'esterno, quindi attenzione! - (Cavalese: belli gli edifici, il Palazzo della Comunità e gli interni. P. funivia.) - (Tesero: belle case infiorate.) - Predazzo m. 1018 slm. ritrovo Giovedì 2 ora pranzo degli equipaggi partecipanti; P. inizio paese a dx, presso campi sportivi, ordinato, con fonte, wc chiuso. Partenza per il tour. - Moena: visita del paese, ma poco interessante. P. vietati, consentito max 2 ore vicino scuola di Polizia; A.A. a Forno di Moena, ad alcuni Km da Moena, Euro 8, poi bici o bus. - Canazei: paese molto bello, tutte le case sono decorate con bordi, cornici, murales e con tanti fiori. P. vietato ovunque; tollerato solo in spiazzo, prima del paese o in campeggio. - Passo Pordoi m. 2239 slm.: lungo la salita panorami stupendi sul Sass Pordoi ed altre alte cime; al passo una nebbia spessa e costante ha sempre coperto le vette dei monti Sella, Sassolungo, Catinaccio, Sass Pordoi ed i cavi della funivia, non in funzione, si perdevano tra le nuvole; a 15 minuti un cimitero germanico della 1° Guerra mondiale. P. ampio, buono anche per la notte. - Arabba: con la funivia, non in funzione, panorama spettacolare su Sella e Marmolada. P. notte solo in A.A. brutta, presso pista di pattinaggio, Euro 9 al dì, CS Euro 3, elettricità Euro 2,5, ma ora gratis con servizi non ancora funzionanti. P. asfaltato a Pieve di Livinallongo, sotto il municipio; dalla chiesetta in estate, veduta di sera del monte Civetta arrossato. - (Era intenzione spostarci a Malga Ciapela, ammirare la Marmolada, che ha il ghiacciaio più grande e la punta più alta delle Dolomiti, e prendere la funivia fino a Forcella Serauta, per visitare gratis il museo della Grande Guerra e all'esterno trincee, gallerie, ospedale, fino alla cima di Punta Serauta. Purtoppo gli impianti di risalita sono in rifacimento per tutto il 2005.) - Passo Falzarego m. 2105 slm: ampio panorama; in estate un ottimo giro sarebbe quello di prendere la funivia, anche ora funzionante, che porta al rifugio Lagazuoi, qui pernottare per poter ammirare l'arrossamento serale delle Tofane e poi scendere a piedi percorrendo le varie gallerie e trincee militari della 1° Guerra; P. ampio sotto funivia. Ad 1 Km. dalla funivia, direzione La Villa, al Forte 3 Sassi museo a pagamento e, 500 m. a valle, museo all'aperto gratis con trincee, postazioni, rifugi restaurati: bella e facile la visita; P. vicino al forte. - Cortina d'Ampezzo m. 1211 slm.: è la capitale delle Dolomiti, ma il panorama a 360° sulle Tofane, Cristallo, ecc., è coperto dagli alti palazzi con vari eleganti negozi. P. consentito e migliore quello dietro cimitero, P. vicino centro sportivo, funivia; A.A. a Fiames Euro 8 luglio - settembre, ora gratis, a 5 Km. verso nord, e poi bus. - Passo Tre Croci m. 1809 slm. - Lago Misurina m. 1756 slm. e base per le Tre Cime di Lavaredo: giro del lago 1 ora e 30 minuti a piedi o ½ ora in bici, ora poco invitante essendo quasi asciutto per lavori; possibile salita con fuoristrada al Monte Piana Euro 4 e discesa 2 ore a piedi: museo nel rifugio e all'aperto della 1° Guerra. P. ad inizio lago, dietro grande edificio Pio XII; A.A. verso le Tre Cime, prima del campeggio, a 100 m. dal lago e dal centro, in pendenza: parchimetro tariffa camper selezionare T2 Euro 6 per 24 ore, scarico ed acqua gratis. -Tre Cime di Lavaredo: la salita al Rifugio Auronzo, per strada privata a pagamento, è consigliata solo se piace camminare in montagna e se si vuole fare il giro di 3-4 ore attorno alle Tre Cime, dato che il panorama più spettacolare e famoso di queste Tre Cime e mezza si vede solo dopo il colle, verso il rifugio Locatelli. La salita con bus, che funziona solo in alta stagione, costa Euro 9 a testa (acquistare al market il tichet, più conveniente), o salire col camper Euro 30, ora solo Euro 20. Dall'ampio P. del Rifugio Auronzo, camminata su strada piana per 30 minuti, ai piedi delle Tre Cime, nascoste dalle nebbie, fino al Rifugio Lavaredo, altri 30 minuti fino al colle con panorama ampio e grandioso sulle Cime, sulle gallerie del Paternò, sul rifugio Locatelli, ecc. In mezz'ora escursione alla 1° galleria e sentiero ferrato della Grande Guerra del Paternò (percorso solo per esperti da fare con corde e in estate) e ritorno al colle. Per risparmiare tempo evitare di raggiungere il Rifugio Locatelli, ma scendere, per un sentiero abbastanza visibile, verso i laghetti ed il pianoro roccioso ai piedi delle Tre Cime arrossate, di cui si ammirano le pareti a picco e l'eccezionale bellezza, e poi proseguire il giro fino al posteggio. Il giro non è faticoso ed è molto bello (lo dicono Alida e Walter). - Dobbiaco: cittadina dalle case molto belle e decorate, come quasi tutte le località dell'Alto Adige (lo dicono gli altri equipaggi). - Auronzo di Cadore: ottimo per acquistare occhiali e lenti; ricomposizione del gruppo presso il bar oltre il lago. - Vajont: vista della diga, tragicamente famosa. - Belluno: bella la città e centro storico. A.A. molto bella, con acqua e scarico esterni, notte gratis, domenica Euro 1 tutto il dì, altri giorni Euro 0,70 ogni ora dalle 8 alle 19, con parco e scale mobili gratis che arrivano fino in centro. Domenica 5 mattina, saluti agli equipaggi, che devono rientrare.
Pre-tour
- Marostica: bello il centro, Castello con scacchiera gigante, la passeggiata alla Rocca alta per sentiero ombroso, con salita fin sulle mura. (Fine maggio sagra della ciliegia) P.A. gratis a sud-ovest, vicino le mura ed il centro. - Bassano del Grappa: Ponte degli Alpini, centro storico, distilleria Nardini e porcellane. - Monte Grappa: linea del fronte con enorme Sacrario in vetta con le tante lapidi dei tanti soldati italiani e austro-ungarici e la galleria lunga 5 Km., che percorreva tutta la cima per collegare e rifornire i soldati nelle loro postazioni, ma ora chiusa; gratis museo e sala proiezioni filmati, custoditi dai militi. P. vicino Rifugio o museo. - (Grotta di Oliero, a sud di Valstagna riva destra, chiusa martedì, ha un laghetto che la occupa quasi tutta, si visita metà in barca e metà a piedi; posto ameno, passeggiata di 1 ora nel sentiero natura, con zona allevamento daini; canoa. P. ingresso grotta.) - (Orridi spettacolari laterali sul Brenta, ai piedi del M. Grappa.) - Asiago: bella la cittadina ed il Municipio; è posta in un altopiano, ottimo per i fondisti. P. piazza mercato, vicino centro. Il Sacrario Militare è mastodontico, di forma quadrata, è sovrastato da un grandioso Arco di Trionfo di marmo bianco ed ha nel suo interno ampi corridoi con le lapidi di 33.000 caduti italiani, di cui 2/3 ignoti, e i resti di 12.000 austro-ungarici ignoti, 2 musei gratuiti ed è presieduto dai militari. - Fiera di Primiero: bella la Pieve e le vecchie case, appena prima del paese. - San Martino di Castrozza: centro elegante, panorama sulle Pale di San Martino, coperte di nebbie. A.A. Euro 10 presso cabinovia Tognola a 1 Km. dal centro; A.A. Euro 8 presso seggiovia Ces a 1 Km. dal centro. - Passo Rolle: bella vista sulle Pale di S. Martino e base per escursioni. P. ampio gratis, ottimo anche per la notte. - Paneveggio: ambiente montano con osservazione, nei prati e boschi recintati, dei cervi; P. Al lago di Forte Buso area pic-nic; P. solo giorno. - Predazzo per ritrovo equipaggi, giovedì ore 12.
Post-tour
- Vittorio Veneto: Serravalle bella la Loggia del Palazzo della Comunità, canalizzazioni del Mescio. (P. dietro la stazione, vic. centro); P. lungo la strada centrale tra centro e Serravalle. - Grotte del Caglieron, vicino a Fregona: gratis la passeggiata lungo il torrente su passerelle, tra rocce scavate, grotte, pilastri, cascatelle, muschi, fino al vecchio mulino; P. Euro 2. - Lago Revine e Santa Maria , uniti da un canale, con acque limpide, buono il giro in bici, o a piedi del S. Maria per vedere una palafitta, gli uccelli, o in canoa, barca; a Lago artigiani di vecchi mestieri: lavori in legno, terracotta, ferro. P. lungo la strada o in spiazzi. - (Abbazia di Follina con chiostro mirabile, Refrantolo, Mulinetto della Croda.) - (Sorgenti del Livenza, vicino a Polcenigo: uno dei fiumi più belli, specie in alto, alle sorgenti camminamenti e bei sentieri per alcune centinaia di metri, con tante sorgive e una limpidezza irreale. Ottimo in canoa: scenderla dal ponte, che da Polcenigo va a Sarone, e navigare fino a Fiaschetti: paesaggi stupendi in un verde lussureggiante, lontano da strade per alcuni Km. e poi Sacile, percorso facile e bellissimo.) - (Conegliano: centro gradevole, belle case affrescate e Castello in alto, passeggiata al laghetto. A.A. ai centri sportivi.) - (Susegana: Castello tra vigneti, percorso in bici fino a Collalto Km. 6, facile e bellissimo.) - Falzè di Piave: A.A. squallida e al sole, Euro 8 (sc. 20%), relax, bagni in acque limpide, in canoa per risalire le risorgive, in bici e a piedi nei percorsi naturalistici, bosco ben attrezzato. - Treviso: belle, lunghe e maestose le mura, che col loro fossato racchiudono tutto il centro storico; ed il fiume Sile, con i tanti canali, popolati da anitre e pesci, attraversano il centro e rendono ameni molti bei angoli. A.A. gratis dietro lo stadio, appena fuori le mura. - Quinto: Oasi naturalistica di S. Cristina, lungo il Sile, con risorgive, uccelli acquatici, casone e mulino di Cervara, aperta solo sabato gratis e domenica Euro 1,5; P. - Piombino Dese, vicini Vedolago: Oasi naturale delle sorgive del Sile: percorso in bici, molto bello e ameno, specie alle sorgenti ben ombreggiate, attrezzato con ponticelli, panche e vari sentieri tra boschi, ruscelli.