Dettaglio


Roccabruna (CN)
34° GRANCASTAGNATA & 9° FIERA DI VALLE
Raduno sociale 7 - 9 ottobre 2011


Venerdì   sera  Arrivo primi equipaggi (chi parte prima possibilità di visitare i famosi "Ciciu" agglomerati terrosi a forma di fungo di Villar San Costanzo,
Sabato    Continuano gli arrivi. Possibilità di visitare il Giardino Naturalistico e in bici le varie Chiese delle borgate
oppure Dronero (Ponte Vecchio - del diavolo, Chiesa Parrocchiale, Loggia del grano, portici e palazzi con torri) o eventualmente pomeriggio in piscina.
Ore 17 Inaugurazione 9° Fiera di Valle Ore 19,30 "Un bocon an compania" cena facoltativa con prenotazione obbligatoria, segue musica con l'orchestra spettacolo "Ricky Renna".
Domenica    Ore 9 - 10 Distribuzione colazione del Club    La Fiera e le manifestazioni proseguono per tutto il giorno, come da volantino allegato
Quota di partecipazione al raduno a titolo rimborso spese: € 5 per equipaggio.Note organizzative
La cena del sabato sera si svolge nel salone del Centro Sportivo Valle Maira, la prenotazione è obbligatoria entro il 28 settembre, con versamento della quota (vedi volantino)
Le iscrizioni si ricevono presso- Fabrizia (autoscuola Arduino) San Giorgio il Lun.- Merc.- Ven.- ore 10-12 e 16-20 San Giusto il Mart.- Giov.- ore 10-12 e 16-20 cell. 3478928513.
- Stefania San Giusto presso market Bruna tutte le mattine cell. 3493126281  
- Beppe San Ponso cell. 3357668954 solo da mercoledì 21.
Come arrivare
vedi volantino "come raggiungerci..." e sul posto seguire le frecce "Raduno Camper"

Resoconto: equipaggi partecipanti n° 28.

Il tempo è stato sempre soleggiato, quindi caldo di giorno, ma freddo di notte, essendo a m.650 di altezza.

Note salienti
-    "I CICIU" di VILLAR S. COSTANZO, in bassa Valle Maira appena prima di Dronero, sono delle conformazioni costituite da colonne di terra, erose dall'acqua, sormontate da un pietrone scuro da sembrare funghi giganteschi; isolati o in gruppo se ne contano quasi un centinaio, sparsi tra i boschi della collina. Vicino al posteggio ci sono un ristorante, il centro visitatori, un'area pic-nic e due percorsi di 1 o 2 ore, che permettono di  ammirare i ciciu nella loro altezza 1-10 metri e forma.
-    DRONERO è una cittadina con una incantevole veduta sul fiume Maira, col ponte medioevale merlato "il Ponte del diavolo", mura, orti, canali, il mulino, con la tradizionale macina a pietra, visitabile il sabato mattina; molto particolare il "Foro Frumentario" o loggia del grano, ottagonale e con bei affreschi, la parrocchiale, i portici con capitelli scolpiti, case e palazzi signorili che ospitavano la nobiltà in villeggiatura.
-    ROCCABRUNA, 1,5 Km dopo Dronero, è un paese occitano per lingua e cultura, come molti altri delle Valli cuneesi e torinesi e dei dipartimenti del sud della Francia e anche della Spagna. Il Comune è formato da 93 borgate sparse per la collina, mentre al piano si trovano il municipio, le scuole, la nuova moderna chiesa, il campo sportivo e l'abitato residenziale con ville e villini con giardini e frutteti, contornati da prati con meli e peri. Uno di questi prati ci è stato concesso come posteggio, vicino al centro ed alle strade adibite a Fiera.
-    Il sabato quasi tutti siamo andati, chi al mattino e chi al pomeriggio, chi a piedi e chi in bici, a visitare Dronero; la sera a piedi alla cena, con orchestra spettacolo, organizzata dalla Pro Loco nel Centro Sportivo Valle Maira, a più di 1 Km di distanza. Qui si è ringraziato l'Amministrazione Comunale e la Pro Loco per l'ospitalità riservataci, offrendo una targa e due bottiglie del nostro vino "passito". Al campo, anche a tarda ora,  Luca ci stava aspettando con quello che rimaneva del fumante "vin brulè".
-    La domenica mattina si è apprezzata l'abbondante colazione, servita dalle nostre "ragazze" Fabrizia e Stefania e poi tutti per la Fiera. Particolare il nutrito gruppo che rappresentava i lavori tradizionali delle donne e degli uomini dei tempi passati. Oltre alle bancarelle di prodotti artigianali e gastronomici, un raduno di moto, il tiro con l'arco, le marionette, i musici di strada e la distribuzione di caldarroste e frittelle di mele hanno animato la fiera.