Dettaglio

CAMPER - TOUR Svizzera - Germania
29 maggio - 2 giugno 2009
Castelli di Ludwig II, Lago di Costanza, Cascate del Reno


Venerdì 29 partenza via Como, Bellinzona, tunnel S. Bernardino, Chur, Bregenz, Lindau Tot. km 427 quasi tutta autostrada.
Sabato 30 arrivo a Lindau (D), sul lago di Costanza: Area camper P.1 con acqua, scarico e servizi. Dalla città-giardino con piste ciclabili, tramite diga e ponte, visita all'isoletta e pittoresco centro storico con palazzi affrescati, vie e torri medievali. Pernottamento.
Domenica 31 partenza per Schwangau in Baviera, appena dopo Fussen: P. grande. Visita castello Hohenschwangau e castello delle favole Neuschwanstein a 1 Km: a piedi 20 minuti o in minibus o in carrozza a cavalli. Km. 105 Ritorno al lago di Costanza a Meersburg: Area camper a 10 minuti dal centro. Passeggiata lungolago con belle case colorate e ristorantini. Pernottamento. km 140.
Lunedì 1 traghetto verso Konstanz e dopo 5 km P. enorme con passerella per Isola Mainau, "l'isola dei fiori" con piante esotiche, sequoie, casa farfalle, recinto animali, parco giochi, fontane, piccolo castello, ecc. Partenza per Stein am Rhein (CH): P. fuori le mura e visita centro medievale con facciate affrescate e case a graticcio. Partenza per Rheinfalls, 3 km dopo Schaffusa: 2 P. camper con servizi, scarico e docce calde. Visita in notturna alle spettacolari Cascate del Reno e pernottamento. Tot. km 50.
Martedì 2 passeggiata diurna fin sotto le Cascate e ritorno via Zurich, tunnel Gottardo, Bellinzona, Como, casa. Tot. km 444 tutta autostrada.
Documenti - Carta d'identità, per i figli minori di 15 anni procurarsi i documenti per l'espatrio (attenzione al peso del camper: tollerato il 3% in più del peso segnato sul libretto di circolazione).
Note informative e organizzative - Portare CB, bici. - Il tour si svolgerà con un minimo di 5 equipaggi, è riservato ai Soci del Club e non vi sono spese di iscrizione. - Gli interessati sono pregati di dare conferma entro domenica 24 maggio e trovarsi lunedì 25 alle ore 21 in sede per informazioni dettagliate e concordare le partenze.
----------------------------------------------------
CAMPER-TOUR SVIZZERA - GERMANIA 29/5 - 2/6 2009
Resoconto di Alida
Equipaggi partecipanti n° 11
VE matt. Partenza di 6 equipaggi, altri alla sera o solo al sabato mattina. La vignetta autostradale svizzera viene venduta alla frontiera, sia in Euro 27,5 che in CHF 40, senza neanche dover scendere dal camper e comprende anche i tunnel. Le aree di servizio "Bellinzona Sud" e "Heidiland", dopo Chur, sono molto ben rifornite di negozietti e ristoranti self-service e all'esterno hanno parco giochi o le caprette e la torre, da cui al suono della canzoncina, Heidi esce a salutare. VE pom. La superstrada verso il tunnel del San Bernardino sale a tornanti a quota 1600 slm. ed il paesaggio si fa montano ed incantevole, con macchie di neve nei prati circostanti. A St. Margrethen, vicino al lago di Costanza, usciamo dall'autostrada, attraversiamo Bregenz in Austria, dove vediamo il prezzo del gasolio meno caro, e costeggiando il lago giungiamo a Lindau, in Germania, verso le ore 19. L'area camper P1 è ben segnalata, fatichiamo però a capire il pagamento che è solo in lingua tedesca, a Euro 0,70 all'ora, anche di notte, e tutto in monete, scarico a cassetta gratis, acqua e servizi a pagamento. Dopo cena una lunga passeggiata tra case, giardini, orti e frutteti ci porta fino al lago di Costanza. SA matt. L'isola di Lindau, collegata da un ponte, è il centro storico ed è facilmente raggiungibile col bus o con la bici percorrendo la pista pedo-ciclabile, che partendo dal fondo dell'area in un paio di Km. ci conduce alla Porta della cittadina, dove posiamo le bici. Il centro storico ha incantevoli edifici del '500-'600 a traliccio, specie il vecchio Municipio (Altes Rhataus) con la facciata tutta affrescata, vie e torri medioevali, due chiese una cattolica ed una evangelica, poi il porto con il bel faro ed un grande leone a guardia. SA pom. Con le bici, grandi e piccoli, percorriamo per 6 Km la ciclabile lungolago fino a Wasserburg, paese turistico e gradevole col castelletto proteso sull'acqua. Alle 17, formati 2 gruppi con a capo Walter e Claudio, partiamo per Fussen in Baviera, distante 100 km, vediamo tanti piccoli paesi sparsi tra le verdi colline; passando per il centro di Fussen fatichiamo a trovare le 2 aree camper, distanti appena 50 m. tra di loro, rispettivamente a Euro 8 e 11 con CS e più spazio, a 2Km. dal centro. Dopo cena Luca improvvisa, con l'aiuto di parecchi altri, una grande macedonia con le fragole comprate durante la biciclettata in una bancarella self-service, dove essendoci il prezzo esposto, si prende e si posano i soldi direttamente in una cassetta, anche senza il venditore. DO matt. Alle 7 ci spostiamo all'ampio P. vicino al castello Hohenschwangau, dove la sosta è consentita solo di giorno a Euro 7 per 6 ore e poi Euro 1 all'ora per le ore successive.
Alla biglietteria dei castelli, anche se siamo i primi, ad Euro 15 a persona, sconto comitiva, riusciamo a prenotare la 1° visita solo alle ore 9,10 e la successiva alle ore 11,45. Qui i fotografi alla vista dei castelli impazziscono: nominiamo Dario, con le sue oltre 1000 foto, fotografo ufficiale. Il Castello Hohenschwangau fu la residenza dove crebbe Ludwig II, è ricco in ori ed ha splendide pitture che decorano le stanze con scene della leggenda del cavaliere del cigno Lohengrin, del viaggio in Oriente, scene della storia della famiglia, ecc. Qui fu ospitato parecchie volte l'amico Wagner per concerti privati; durata visita 35'. Il Castello Neuschwanstein raggiungibile a piedi in 20'-30' o in minibus Euro 2 o su carrozza a cavalli Euro 5 fatto costruire da Ludwig II in stile medioevale con tante torri alte e possenti, è posizionato su una rocca, da cui si domina il panorama circostante fatto di monti, boschi, prati, laghi e i paesi Fussen e Schwangau. Disney lo copiò per ambientare il suo film "La bella addormentata nel bosco" ed è pure presente in tutti i parchi Disney del mondo. Le sale interne, riccamente arredate e distribuite su vari piani, sono un omaggio alle opere del genio musicale di Richard Wagner e sono un inno al romanticismo ed alle antiche leggende germaniche: sontuosa la Sala del Trono in stile bizantino con pavimento a mosaico, gradini in marmo di Carrara, candelabro a forma di corona e dipinti alle pareti, manca solo il trono in avorio mai realizzato, bella la camera da pranzo, sfarzosa quella da letto con baldacchino intagliato e ricami, il soggiorno reale con una saletta detta "l'angolo dei cigni" per le pitture murali, la Sala dei Cantori, ecc. Durata visita 35'. I gruppi di visitatori sono divisi per lingua, così il sonoro racconta i particolari di ogni camera, la storia dei castelli, la mania e l'indebitamento del Sovrano e la morte misteriosa. Il ponte Marlenbrucke a 15' dal castello sovrasta un profondo orrido. DO pom. Alle 16 partiamo e torniamo al lago di Costanza a Meersburg, 50 Km. oltre Lindau, dove troviamo la due vicinissime aree camper completamente piene e ci fermiamo nel posteggio degli autobus vuoto, paghiamo il ticket come se fossimo in regola e scendiamo a piedi a visitare questa bella cittadina. La parte alta ha negozi, il municipio, una grande terrazza panoramica e si legge anche di una piscina termale libera vicino al lago; la parte bassa lungolago ha tantissimi ristorantini, dove però anche il menù è scritto solo in tedesco: per fortuna i camerieri italiani sono ovunque; qui col nostro vociare rompiamo il silenzio e la tranquillità del posto. LU matt. Alle 8 partiamo per il traghetto, che completamente vuoto ha potuto contenere tutti gli 11 camper e in 30' ci porta sull'altra sponda con una spesa di Euro 14-17 per equipaggio. Dopo 5 Km. siamo al P. diurno davanti all'isola di Mainau al costo di Euro 4 per il gettone di uscita; alla biglietteria paghiamo Euro 12,50 a persona, sconto comitiva, o Euro 30 a famiglia. L'isola Mainau, raggiungibile solo a piedi, percorrendo un ponticello, è l'isola dei fiori con aiuole, roseti, giochi d'acqua, laghetti, alberi secolari, casa delle farfalle, fattoria, parco giochi bimbi, villa-castello con chiesa, ristoranti, bar e tavola calda. LU pom. Alle 16 attraversiamo Konstanz coi suoi semafori, la frontiera svizzera e facciamo tappa a Stein am Rhein, posteggiandoci nell'ampio P. fuori la porta della Torre dell'orologio, gratis dopo le ore18. Il centro medioevale ha stupende case a graticcio del XV-XVI secolo con le facciate completamente affrescate, famosa la casa Adler o Waissen con scene del Decamerone, bello il Rathaus e la chiesa, il monastero S. Georgen lungo il Reno è invece chiuso, dal ponte bella è la vista delle case affacciate sul fiume. Riprendiamo i camper, costeggiamo il Reno lungo la sponda sinistra, attraversiamo il ponte di Schaffhausen e seguiamo le indicazioni per le Rheinfall, distanti 3 Km.; l'ultimo P. è per i camper, ampio con servizi, docce, CS: il pagamento automatico è sempre con monete Euro 12 per 24 ore. Dopo cena visita notturna alle affascinanti cascate illuminate, alte solo circa 20 m., ma larghe 150; al rientro Beppe ed altri improvvisano un vin brulè. MA matt. Alle ore 9 la maggior parte del gruppo partecipa alla passeggiata sulle due sponde del Reno: si scende al villaggio, si attraversa il ponte e si costeggia il bel sentiero lungo la sponda sinistra, risalendo sino ad un altro villaggio sulle cascate, poi si percorre il ponte della ferrovia e si ridiscende lungo il lato destro con varie vedute dai balconcini sull'imponente cascata. I barconi con Euro 4,50 a persona, da un castelletto proteso sul fiume, portano i turisti a fare un giro lungo i vortici delle cascate o addirittura li scaricano davanti ad un costone in mezzo alle cascate stesse e qui tramite gradini si sale sino alla sommità e ci si trova in mezzo alla potenza ed al frastuono dell'acqua con spruzzi e nebbiolina: è un'emozione forte, da non perdere!. Al ritorna all'area camper Caterina con qualcun altro offre l'aperitivo con patatine ecc. MA pom. Dopo pranzo si torna verso casa, passando per Zurigo, Schwyz, tunnel St. Gotthard, Bellinzona: questa autostrada è molto più veloce e pianeggiante. Alcuni equipaggi si attardano per ulteriori visite ed alcuni rimangono in Svizzera ancora un altro giorno. Nonostante qualche errore di percorso, è stato un bellissimo tour con un ottimo gruppo!